L’aspetto legale del Bullismo e del Cyber bullismo - Il Bullismo è reato
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Spataro su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Spataro Attualità 01/04 01/04

    L’aspetto legale del Bullismo e del Cyber bullismo

    Il Bullismo è reato

    Continua il Progetto “Tutti per uno, uno per tutti” nella Scuola Secondaria di Primo Grado di Gissi, Furci e San Buono con il secondo incontro con gli alunni di tutte le classi con la dott.ssa Silvia Notaro, avvocato dell’Associazione “Emily Abruzzo”, avvenuto giovedì 14 marzo presso la Sala Riunioni dell’ITE “G. Spataro” di Gissi.

    L’avvocato ha ribadito agli studenti la nozione di bullismo e di cyber bullismo e ha esposto loro la normativa vigente sottolineando la responsabilità dei genitori e della scuola.

    Attraverso dei fatti di cronaca e la riflessione sulle esperienze vissute dai ragazzi, l’avvocato ha cercato di promuovere il senso di responsabilità e di giustizia. Ha letto insieme ai ragazzi le raccomandazioni della Polizia Postale e li ha invitati a produrre in classe il decalogo dei rimedi contro il bullismo e il cyber bullismo. Ancora una volta gli alunni hanno sentito ribadire che il cyber bullismo è la forma peggiore di violenza perché avviene nella rete, che non solo il bullo è responsabile, ma tutti coloro che lo appoggiano rimanendo suoi complici contro la vittima. La dottoressa più volte ha ricordato ai ragazzi che bisogna saper distinguere tra vivacità e ragazzate e vessazioni ripetute da considerarsi atti di bullismo e di confidarsi assolutamente con un adulto a casa o a scuola perché spesso si crede di essere deboli parlandone, invece chi racconta ha più coraggio ed è più intelligente di chi non lo fa. Quando l’avvocato ha chiesto se siamo vittime di bullismo o lo siamo stati, in pochi hanno risposto e chi ha risposto ha detto no.

    L’incontro è stato educativo e molto importante per tutti e ha fatto capire che in caso di bullismo o di cyber bullismo non bisogna aver paura di parlare e che certi atti non si fanno sia perché costituiscono reato ma soprattutto perché potrebbero ferire delle persone come noi.

    Ci auguriamo che questo dibattito abbia fatto pensare ai ragazzi di smettere di essere prepotenti e violenti o meglio ancora di non iniziare proprio.

     

    Classi IIA e IIB S.S. I Grado di Gissi

    di Redazione Spataro


    Parole chiave:

    iniziative

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi