Il mese della sicurezza in rete - I social non conoscono confini e muri divisori
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Spataro su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Spataro Iniziative 11/03 11/03

    Il mese della sicurezza in rete

    I social non conoscono confini e muri divisori

    Dall’11 febbraio all’11marzo gli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado di Gissi hanno svolto delle attività per promuovere un uso più responsabile della tecnologia e dei social. Noi alunni delle classi terze abbiamo cercato di riflettere sul Decalogo “Condividi con la testa” da seguire quando si usa la rete, sulle fake news e su come i social aiutano a vivere analizzando le storie vere di Alessandra e di Cristian.

    Il Decalogo presenta 10 punti da tener presente perché bisogna pensare prima di postare dal momento che siamo ciò che postiamo:

    1)      Ciò che condividi rimarrà visibile per sempre.

    2)      Ciò che condividi ha conseguenze negative o positive.

    3)      Ciò che condividi deve essere vero.

    4)      Ciò che condividi deve essere utile.

    5)      Ciò che condividi ti rappresenta.

    6)      Ciò che condividi ti profila.

    7)      Ciò che condividi ti potrebbe far correre dei rischi.

    8)      Ciò che condividi può fare molto male.

    9)      Ciò che condividi può fare molto bene.

    10)   Ciò che condividi deve essere sensato ma soprattutto pensato.

    La tecnologia non deve servire per discriminare e ingiuriare ma per promuovere aiuto e conforto. Bisogna sempre reagire e i social possono aiutare a sognare  perché chi non sogna non vive e le parole che contano partono sempre dal cuore e sanno dove andare, anche nel mondo virtuale. Le storie di Alessandra e di Cristian ci hanno insegnato che i social  aiutano ad acquisire autostima e maggiore sicurezza e che gli amici virtuali sono dei veri amici.  Le attività svolte in classe sono state molto interessanti e ci hanno fatto comprendere che in alcuni casi lo smartphone può essere veramente utile. Lo smartphone non è un oggetto per diffondere foto volgari o per fare bullismo, ma per condividere le emozioni di tutti. Le nostre riflessioni sono confluite in un cartellone.

    Classe IIIA e IIIB S.S. I Grado di Gissi

    di Redazione Spataro


    Parole chiave:

    iniziative

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi